Calcio. 1^ Cat. gir. A, A Fuscaldo il Rangers Corigliano risorge e si rilancia

Dopo una settimana ampiamente agitata, il Rangers Corigliano torna al successo ritrovando una giornata di serenità. Sul terreno di gioco del “G. Zicarelli” di Fuscaldo, la squadra jonica si impone sugli avversari tirrenici grazie ad una prova concreta.

Dopo il divorzio dei giorni scorsi con mister Apicella, la formazione guidata per l’occasione dal giovane e perspicace collaboratore tecnico Caputo, si impone infilando tutte le reti nella seconda frazione e tutti da giocatori subentrati in corsa. Terzo successo stagionale per la formazione biancoazzurra (il primo esterno) sempre falcidiata dagli infortuni, che anche oggi ha dovuto fare di necessità virtù. Boccata d’ossigeno per la classifica dei coriglianesi che salgono a nove unità attestandosi, al momento, in zona franca e tranquilla. Di contro, i fuscaldesi tentano le proprie chance restando in gara quasi fino alla fine. Per la cronaca, padroni di casa all’assalto già al 1’ su calcio piazzato di Filippo finito alto. Al 5’, sempre per i locali, conclusione di Zicarelli parata dal portiere Scalise. Il primo squillo degli ospiti è al 10’, con il rientrante S. Sposato che da penalty spedisce a lato. Un minuto dopo, sempre per gli jonici, Coppola su interessante pallonetto conclusivo viene fermato in fuorigioco. Al 19’, per i biancoazzurri, su punizione ci prova Marino ma la sfera si spegne sul fondo. Sessanta secondi dopo, per i fuscaldesi Longo calcia e Scalise blocca. Al 24’ e al 28’, per gli jonici, S. Sposato, in entrambi i casi sempre da penalty, impegna l’estremo di casa Amadi nella prima circostanza e nella seconda silura sopra la traversa. Un minuto dopo gol annullato al Rangers Corigliano perché sull’assist dal fondo che avrebbe portato alla conclusione vincente di F. Filadoro, la palla avrebbe superato la linea di delimitazione del campo. Al 34’, per i locali, da corner Zicarelli serve Longo che su incornata indirizza fuori. Al 36’, da punizione la traiettoria di Zimmaro conclude la sua corsa sul fondo. L’ultima azione della prima frazione è per S. Sposato su punizione ma senza effetti. Si va al riposo sullo 0 a 0 mentre ad inizio ripresa, ospiti all’assalto: al 3’ ci prova ancora S. Sposato e al 5’ F. Filadoro con palla in ambedue i casi terminata a lato. Al 12’, ghiotta occasione per i locali, con Manea che conclude ma il portiere Scalise devia quanto basta il percorso della sfera che si stampa sulla base del palo. Al 13’ Zimmaro su punizione spara sopra la traversa. Al 15’, sull’altro fronte, S. Sposato serve F. Filadoro che gira alto. Al 18’, la risoluzione di S. Sposato viene sventata dall’estremo di casa Amadi. Al 22’ Rangers Corigliano in vantaggio: il solito S. Sposato si invola in contropiede appoggia al centro per la corrente P. Filadoro, appena entrato in campo, che insacca. Al 25’, ospiti che avrebbero potuto raddoppiare con Grispino che a conclusione di una sgroppata si presenta a tu per tu col portiere Amadi sparando alto quando avrebbe potuto appoggiare per i compagni di squadra al centro dell’area. Un minuto dopo, altra occasione vorace nata dall’ispirato S. Sposato e non finalizzata dalla new-entry Feraco. Al 42’ Feraco trova il gol su pallonetto grazie all’assistenza di Coppola. Al 45’, i fuscaldesi tentano di riaprire i giochi su calcio piazzato calciato da Zimmaro ma la sfera finisce alta. In pieno recupero, al 47’, contropiede nato da P. Filadoro per Feraco che mette in condizione, l’altro subentrato in campo, Salatino di battere a rete per il 3 a 0 finale a favore dei coriglianesi. Nel prossimo turno, sabato 19 novembre alle 14:30, i biancazzurri, dopo due trasferte consecutive, torneranno a giocare in casa contro il Cus Cosenza. Avversario non proibitivo soprattutto se saranno recuperati diversi calciatori fermi ai box. Intanto, in settimana la società dovrebbe annunciare il nuovo allenatore con l’augurio che la rosa possa ricompattarsi ed esprimersi secondo le sue vere potenzialità. Paventati nuovi innesti nel mercato di riparazione nelle prossime settimane.

Cristian Fiorentino

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *