Bullismo, dibattito sui rischi che nasconde internet



CORIGLIANO “Adolescenza e social media: la rete tra rischi e opportunità” è stato questo il titolo del meeting sul cyberbullismo svoltosi in città dal 13 al 15 marzo ed organizzato dagli istituti comprensivi, Erodoto e Leonetti, guidati dalla dirigente Susanna Capalbo con le associazioni “Mamme per il Sociale” e il comitato “Genitori Onlus”. “Le scuole hanno il compito di realizzare interventi mirati alla prevenzione dei due fenomeni e di integrare l’offerta formativa con attività finalizzate alla prevenzione e al contrasto del bullismo e del cyberbullismo. A tal fine- ha spiegato la Capalbo- gli studenti sono stati coinvolti nella lettura del testo “Andrea, oltre il pantalone rosa”, scritto da Teresa Manes, madre di Andrea, 16 anni, morto suicida a Roma nel 2013. Sul perché il ragazzo si sia tolto la vita, Teresa ha spiegato: “Io la mia idea me la sono fatta: Andrea non ne poteva più di essere preso in giro, additato e inquadrato all’interno di una veste in cui non si riconosceva. Era a conoscenza della pagina Facebook” che lo derideva, “ma per me conoscere è anche subire”. Da quel giorno Teresa incontra i ragazzi delle scuole”. Una occasione di importante confronto offerta agli alunni e genitori dei due comprensivi ma aperta anche all’intero territorio. Un percorso mirato ad affrontare un tema assai dibattuto e difficile come quello del cyber bullismo. Messaggio chiave di tutta l’iniziativa “insieme all’opera della famiglia e della scuola, possa contribuire a prevenire disagi sempre più diffusi tra gli adolescenti e che si riconducono anche all’utilizzo distorto delle nuove tecnologie”.

(fonte: La Provincia di Cosenza)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.