Asp di Cosenza, lavoratori del servizio mensa sul piede di guerra



I lavoratori del servizio mensa (affidato di recente a una società barese) sul piede di guerra: dopo l’avvio della procedura di raffreddamento hanno preannunziato l’indizione di uno sciopero per il 7 luglio prossimo presso la sede dell’Asp di Cosenza. Il sindacato Sgb Calabria ha già trasmesso una nota alla commissione di garanzia scioperi, all’Asp di Cosenza e all’azienda stessa nella quale si ipotizzano situazioni di sfruttamento, a partire dal lavoro straordinario attribuito e non concordato con la sigla sindacale. Problemi riscontrati anche nell’organizzazione della rotazione del personale durante la turnazione di lavoro.

Nelle sedi di Cariati, Lungro e San Giovanni in Fiore il sindacato denuncia l’espletamento di orari superiori rispetto all’orario contrattuale pattuito e lavoratori assunti con la qualifica di cuochi viene dirottato ad altre funzioni. Tra i punti sollecitati anche il rispetto della clausola sociale sul personale assunto. L’ospedale di Rossano è sprovvisto di alcune figure professionali. Infine, nella nota sindacale, viene messo in evidenza come l’azienda stia procedendo ad assegnare in sub-appalto i lavori di Cassano, Acri e Lungro, mentre utilizza altri centri cottura a San Giovanni in Fiore, Cariati, Corigliano, Castrovillari, Cetrato, Paola e Mormanno. Per tutte queste ragioni ed altro, il 7 luglio i lavoratori incroceranno

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.