Asp di Cosenza, attività di svestizione del personale è ritenuta “extra”

Il giudice del lavoro riconosce l’attività di vestizione/svestizione o cambio tuta quale differenza retributiva dovuta dall’azienda sanitaria provinciale di Cosenza al personale operante. La notizia è stata diffusa dal sindacato Nursing Up che era ricorso in giudizio dopo una serie di incontri, senza esito, con i vertici dell’Asp. La battaglia legale ha avuto inizio con il deposito nell’ottobre 2021 del ricorso al Giudice del Lavoro di Cosenza che si è tradotta con l‘emissione della sentenza di accoglimento totale delle richieste in favore di due infermieri D.A. e G.M., ed il riconoscimento retributivo delle spettanze arretrate, a titolo di vestizione, che ammonta rispettivamente ad euro 3.399,63 e ad euro 2.943,36 somme rapportate ai giorni di effettiva presenza in servizio dei due lavoratori negli ultimi cinque anni.

omicidio cariati

Il Tribunale di Cosenza

Dal dispositivo emerge come tali attività non rientrino nell’orario di lavoro, ma è da considerare extra, posto che tali operazioni sono compiute, rispettivamente, prima dell’inizio del turno di lavoro e dopo il completamento dello stesso.Grande soddisfazione è stata espressa dai responsabili del Nursind Up Andrea De Cicco e Laura Scaglione: «Questo risultato, dicono gli stessi sindacalisti, non costituisce di certo un punto di arrivo per il Nursing Up ma l’inizio delle battaglie intraprese per la tutela dei lavoratori».

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *