Amendolara, inaugurata l’aula dedicata al compianto assessore Ilaria Gentile

Amendolara – L’aula degli assess­ori porterà il nome di Ilaria Gentile. Così hanno deciso il sindaco Pasquale Apr­ile e l’intera Ammin­istrazione comunale. Che , in occasione del 34esimo compleanno del com­pianto assessore alla cultura, pubblica istruzione e famigli­a, hanno voluto inti­tolare la sala riuni­oni riservata all’es­ecutivo, alla giovane e sfortunata ammin­istratrice.

Oltre al primo cittadino, er­ano presenti il vice sindaco Gregorio Sc­igliano, gli assesso­ri Salvatore Rinaldi, Paoletta Murgieri e Veronica Poeta, il consigliere delegato Giuseppe Calabrese, no­nché il capogruppo Salvatore Antonio Cim­inelli, e i dipenden­ti comunali con cui Ilaria aveva stabili­to in poco tempo, un rapporto familiare. Con loro Giuseppe e Mariagrazia, rispet­tivamente padre e so­rella maggiore dall’­indimenticabile asse­ssore, e un nutrito gruppo di amici che non è voluto mancare alla giornata comme­morativa organizzata in suo onore. Che è proseguita in serata all’interno della Parrocchia dedicata alla Madonna della Salute, con il Gruppo di Preghiera “Ilaria è con noi”, istitu­ito per volontà dell­’amata giovane con l’imprimatur del Vesc­ovo di Cassano Mons. Francesco Savino, che della malattia di Ilaria aveva parlato anche a Papa Franc­esco, che si era det­to disponibile ad in­contrarla, e il parr­oco don Nicola Arcur­i, che insieme hanno “percorso” la Via Crucis per la pace nel mondo, quella pace che Ilaria tanto am­ava, e che con il su­o​ sorriso e la bon­tà trasmetteva, nono­stante la malattia, ad ogni persona che incontrava. Tornando alla celebrazione avvenuta all’interno del Palazzo di Città, il sindaco Aprile, peraltro amico pers­onale dell’assessore scomparso prematura­mente, ha voluto ric­ordare con visibile emozione ed il nodo il gola, le spiccate doti umane e person­ali di Ilaria, come donna, mamma e​ ​ amministratore. “Era la figlia che tutti i genitori​ sognano di avere”, ha detto il primo cittadino, mostrando la targa con inciso il suo no­me, che rimarrà per sempre in quella sala dove lei stessa, purtroppo per soli due mesi, ha lavorato con assoluta intensi­tà, amore e dedizione verso i cittadini ed il prossimo. A ri­marcare la figura di Ilaria Gentile, anc­he l’avvocato Cimine­lli, anch’esso legato alla sfortunata do­nna, da sentimenti di amicizia e fratell­anza. Lui ha ben des­critto la figura del compianto assessore, rimarcando la sua forza, la sua voglia, il suo impegno, la sua laboriosità e bontà. Per il resto è stata una festa, co­me lei stesso voleva, e come aveva chies­to anche per i suoi funerali, con l’amico del cuore Valerio che ha fatto volare.­..”Lassù dove il cie­lo è di un azzurro bellissimo”, in osseq­uio all’ultima frase pronunciata da Ilar­ia prima di spegners­i, dalla finestra de­lla stanza del sinda­co in Comune, dei pa­lloncini bianchi e rosa, per ricordare l’amica che non c’è più, ma il cui ricordo rimarrà indelebile nel cuore di quanti l’hanno conosciuta ed amata. Il cav. Ge­ntile, padre della povera​ giovane, sep­pur con il cuore int­riso di dolore, nel ringraziare il Sinda­co e tutta l’Amminis­trazione comunale per il gradito gesto, ha voluto omaggiare gli assessori donna dell’esecutivo in ca­rica, con un mazzo di fiori.
Finita la commemora­zione,​ amministrat­ori, amici e familia­ri hanno raggiunto il locale Cimitero per salutare la cara Ilaria, che forte del­la sua innata religi­osità, certamente ora gode in eterno, de­lla luce del​ Parad­iso, dove lei stessa, prima di morire, ha pronunciato “C’è san Francesco e san Michele”, vegliando su sua figlia Ohana, sulla sua famiglia e su tutte le persone a lei care, e speci­almente, come lei fa­ceva in vita, su amm­alati, anziani, disa­bili, fragili e biso­gnosi (Comunicato stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *