Amendolara. Cittadinanza onoraria per i musicisti Giuseppe e Ciro Ettorre

Amendolara – Il Consiglio Comunale riunitosi lunedì sera in una seduta all’aperto, in piazza Giovanni XXIII, ha deliberato all’unanimità, su proposta del sindaco Antonello Ciminelli, la cittadinanza onoraria che è stata così conferita ai fratelli musicisti Giuseppe e Ciro Ettorre. Presenti assieme al primo cittadino e al segretario comunale Nicola Di Leo; il vicesindaco Pasquale Aprile; gli assessori Luciana De Vita, Paoletta Murgieri, Prospero Scigliano; il consigliere comunale Daniele Santagata e il consigliere capogruppo di Minoranza, Franco Martorano.

Figli degli amendolaresi Angelino Ettorre e Lina Gerundino; Giuseppe e Ciro, cresciuti in Emilia Romagna, ben presto hanno intrapreso la strada della musica che per Ciro è stata ed è una compagna di vita, come chitarrista al fianco di prestigiosi nomi della musica italiana, da affiancare alla professione di ingegnere informatico e sviluppatore di software per aziende internazionali; per Giuseppe invece la musica è diventata un vero motivo di vita che lo ha condotto sino al Teatro alla Scala di Milano dove è il primo contrabbasso dell’Orchestra e della Filarmonica.

«Il conferimento di una cittadinanza onoraria è un appuntamento con la storia – ha commentato il sindaco Ciminelli – perché ci consente di celebrare i valori, la cultura dei cittadini di Amendolara in tutta Italia e nel Mondo. Ma nel conferire una simile onorificenza abbiamo sempre messo al primo posto il profondo amore e il legame con le origini che i nostri concittadini hanno mantenuto nel tempo».

Sinceramente onorati per questo riconoscimento, Ciro e Giuseppe Ettorre, accompagnati per l’occasione dalla numerosa famiglia, hanno rimarcato nei loro brevi interventi appassionati il senso di appartenenza al paese che li accompagna nella loro vita privata e professionale. «Mi porto dietro l’imprinting di Amendolara – ha detto Ciro Ettorre – sviluppato sin da bambino. Ogni volta che arrivo ad Amendolara ed apro la portiera dell’auto mi sento rinascere». Degli stessi sentimenti spontanei il fratello Giuseppe: «Ad Amendolara mi sento davvero Pino. Ritrovo gli amici di una volta. Lo stesso giorno che arrivo – racconta – è come se avessi l’impressione di stare qui da almeno un mese». Nel corso del civico consesso è stata consegnata una targa ricordo al maestro percussionista del Teatro alla Scala di Milano, Giuseppe Cacciola, il quale assieme ai fratelli Ettorre si è esibito, a sera, in un apprezzato e partecipato concerto all’Anfiteatro. Una cittadinanza onoraria è utile anche e soprattutto a consolidare un legame tra una comunità ed un proprio figlio illustre. «Tornate spesso ad Amendolara – l’accorato invito del sindaco Ciminelli -. Restate vicini al nostro paese. I piccoli borghi hanno bisogno, mai come in questo momento, dei loro cittadini migliori per riaccendere la speranza. Diventate ambasciatori delle vostre origini» (Comunicato stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *