Altomonte. Prevenzione, 300 vaccini antinfluenza. Il Sindaco: Esempio di welfare partecipato

Altomonte – Prevenzione Covid, nel quadro del, progetto Altomonte 2000 – Città della Prevenzione sono stati effettuati 300 vaccini antinfluenzali su ultrasessantenni e soggetti affetti da patologie croniche. È la prima iniziativa del genere in Calabria.

A darne notizia è l’assessore alla sanità Emilia Romeo informando con il Sindaco Gianpietro Coppola che nel quadro dell’impegno portato avanti dall’Esecutivo per garantire sempre maggiori e migliori servizi al cittadino anche questo programma è destinato alla salvaguardia ed alla tutela della salute pubblica.

A nome dell’Amministrazione Comunale la Romeo coglie inoltre l’occasione per ringraziare i medici Antonio Pio d’Ingianna e Giancarlo Verta per il coordinamento delle attività ospitate nei giorni scorsi nel Palazzetto dello sport. È stato indispensabile – ricorda – il supporto degli infermieri volontari Francesco Marsico e Giuseppe Pacienza, della Protezione Civile, dei Giovani Volontari Altomonte (GVA) e dei vigili urbani.

Per la calendarizzazione della seconda giornata è stato chiesto all’Asp l’invio di ulteriori vaccini per gli aventi diritto.

Questa piccola iniziativa – spiega il Primo Cittadino – rappresenta certamente una buona prassi amministrativa e riprende le tante cose già fatte negli scorsi anni con il progetto Altomonte 2000 Città del benessere – Premio Alesini di Cittadinanza attiva nel 2008 come miglior esempio di welfare partecipato in Italia. L’attività svolta – aggiunge – presenta diversi aspetti positivi: evita gli assembramenti di anziani e persone a rischio negli studi medici, permette di eliminare lunghe attese agli altri pazienti che si recano dai medici di famiglia per altri motivi, promuove senso di comunità e solidarietà intorno ad un tema tanto dibattuto come quello dei vaccini, rende il territorio protagonista di scelte e percorsi nuovi in risposta a nuove problematiche. È un esempio – conclude Coppola, ringraziando l’assessore Romeo e quanti hanno attivamente collaborato al progetto – di come con la sinergia ne sia possibile risolvere grossi problemi. È su queste cose noi sindaci vorremmo essere ascoltati e seguiti di più da chi gestisce oggi la sanità ai diversi livelli. Non vuoti programmi che non si realizzano mai, ma piccole azioni concrete ogni giorno (Comunicato stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.