Al Circolo Rossanese le foto d’epoca della città di Giuseppe De Lauro

#RossanoFutura

Rossano – Avere traccia del proprio passato e preservare i documenti che danno testimonianza dell’evoluzione di una società nel tempo è un dovere di ogni comunità e un diritto che i cittadini devono fare proprio per conoscere meglio la contemporaneità. Sensibile a queste necessità, il Circolo Culturale Rossanese si prodiga affinché qualsiasi attività affine a tali scopi sia messa a disposizione di tutti. Ecco che un’occasione importante è stata creata grazie alla disponibilità e al lavoro certosino del professore Mario Massoni, che possiede una vasta banca dati di fotografie d’epoca dei vari luoghi della città. In particolare, in suo possesso sono le fotografie del professore Giuseppe De Lauro, il primo fotografo che ha immortalato monumenti, chiese, scorci, processioni religiose e manifestazioni politiche dell’inizio del ’900. De Lauro nacque a Rossano il 5 maggio del 1883, si diplomò a Palermo in disegno e calligrafia e insegnò in alcune scuole della città. Grazie alla sua passione, lasciò tante testimonianze visive della città, avendo fotografato diversi momenti della vita quotidiana e realizzato bellissime cartoline panoramiche. Il professore Massoni, già docente di storia e filosofia al Liceo Classico San Nilo, di nascita bolognese ma da tanti anni trapiantato nella città del Codex, nel tempo ha raccolto 70.000 records tra foto d’epoca, stralci di articoli di giornali e documenti d’archivio, il tutto sistemato e catalogato in circa 4.000 cartelle. Qualche anno fa, il professore mise a disposizione di tutti tale materiale; in questi giorni, il Circolo Culturale Rossanese si è offerto di dare a quanti vorranno l’accesso a tale Banca Dati, permettendo il salvataggio informatico sui propri supporti tecnologici. Presto verranno comunicati i giorni in cui si terranno tali incontri presso la sede del Circolo. Intanto, riconosciamo valore e merito a tali manifestazioni di condivisione sociale del sapere.

Antonio La Banca

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *