40 lavoratori Simet licenziati, Straface (FI): Presto incontro in Regione sul loro futuro occupazionale

La Regione Calabria segue con attenzione e apprensione la vicenda dei 40 lavoratori dell’azienda di trasporto a lunga percorrenza Simet. Una vicenda che sta particolarmente a cuore al presidente Roberto Occhiuto ed a tutti noi per ciò che concerne il futuro occupazionale di questi lavoratori. Non rimarremo inermi dinnanzi alla difficile condizione nella quale si trovano attualmente questi padri di famiglia. A tutti loro, alle rispettive famiglie e alla medesima azienda, che vive momenti di difficoltà analogamente a quanto accade a numerose altre realtà imprenditoriali operanti sul territorio regionale e nazionale, esprimiamo la massima solidarietà e vicinanza. Tuttavia, non possiamo e non vogliamo fare false promesse e seminare illusioni, né prestarci a strumentalizzazioni alla vigilia di una competizione elettorale, in coerenza con la concezione che anima il nostro agire politico. Pertanto, subito dopo tale appuntamento con le urne, avvieremo un tavolo istituzionale di confronto tra Regione, Simet, lavoratori stessi e loro rappresentanze, coinvolgendo direttamente gli assessori regionali e i dipartimenti dell’ente preposti ad affrontare la questione”.

Pasqualina Straface

È quanto dichiara, in una nota, Pasqualina Straface, consigliere regionale di Forza Italia.

L’obiettivo è quello di individuare soluzioni condivise per reintrodurre i 40 lavoratori nel circuito produttivo, al fine di garantire loro le necessarie condizioni per il prosieguo di un’attività consona alle rispettive capacità. Un impegno del presidente Occhiuto e di tutta la Regione Calabria – conclude Straface – che testimonia la premura nei confronti di quanti sono coinvolti in questa delicata vicenda, sia dal punto di vista umano che professionale. Viviamo una delicata fase di congiuntura economica e desideriamo fornire risposte in modo tangibile e con grande senso di responsabilità civile, sociale e politica”.

comunicato stampa

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.