Sulla fusione si proceda spediti: chiudere questa stagione politica.

 

 

La priorità del movimento RossanoPulita è che si proceda spediti verso il processo di fusione senza inutili dilazioni. Le fasi transitorie sono storicamente quelle in cui la pessima classe politica che governa tutt’ora il nostro territorio produce le peggiori nefandezze, utili esclusivamente alla raccolta di consenso elettorale spesso anche clientelare.

Per questo, assodato il risultato referendario, ci auguriamo che il Consiglio Regionale approvi in breve tempo la legge di istituzione del nuovo comune, e si proceda alla propedeutica fase di commissariamento col fine di ridare al più presto la parola ai cittadini della città unica, affinchè possano scegliere la classe dirigente che dovrà governare i primi passi del nuovo comune.

Una celerità necessaria in primis perchè il nostro territorio, tutto, non ha tempo da perdere e la nascita della nuova città, se ben governata, potrebbe ridare slancio all’intera area ionica; ma servirebbe anche per impedire all’esecutivo Candiano-Mascaro di continuare a devastare amministrativamente Rossano e, conseguentemente, l’area urbana, con indebitamenti, appalti decennali, gare con termini indecenti, assunzioni varie ecc. ecc. ecc.

Inoltre, come movimento politico abbiamo affrontato la campagna referendaria battendo molto su alcuni obiettivi per noi fondamentali sul tema della fusione ed assumendo l’impegno di lottare per raggiungerli, a partire dalla tutela dei due centri storici e dalla istituzione concreta e funzionale dei municipi quali organi democratici intermedi tra i cittadini ed il nuovo ente.

Per questo nella giornata di oggi abbiamo inoltrato, all’attenzione della Commissione Affari Istituzionali del Consiglio Regionale, due proposte di emendamento alla Legge di Istituzione del nuovo comune, che provano a dare degli indirizzi costruttivi alla nuova città e che, soprattutto, provano a dare ulteriore slancio positivo alle due comunità.

Il primo riguarda i due centri storici, i quali molto probabilmente, in prospettiva, vedranno il trasferimento di alcuni uffici comunali in zone più baricentriche, con un ulteriore indebolimento del tessuto commerciale della zona già fiaccato da vari trasferimenti, accorpamenti e chiusure. Il nostro emendamento propone di impegnare il nuovo comune ad utilizzare obbligatoriamente una parte dei contributi per la fusione, provenienti da Stato e Regione, proprio nella messa in sicurezza e valorizzazione dei due centri storici, fino a 600 mila euro l’anno. Non si tratterebbe di una cifra che risolleverebbe d’incanto i due centri storici, ma certamente si tratterebbe di un impegno che invertirebbe la rotta rispetto all’abbandono, perpetrato negli ultimi anni, dei due splendidi centri.

Il secondo emendamento riguarda i municipi, e propone che lo statuto del nuovo comune possa attribuire ai municipi anche dei pareri vincolanti su specifiche tematiche. Questo eviterebbe che i municipi diventino degli inutili organi meramente consultivi da chiamare in causa a piacimento o per comodità, col rischio di svilire gli stessi e trasformare una importante istituzione democrativa in un inutile costo. Sempre sui municipi, inoltre, si propone di abbassare il bacino demografico utile a costituirli, da 8.000 cittadini a 3.000. Istituire dei municipi da almeno 8.000 cittadini, infatti, in un territorio con l’estensione e la densità demografica della nuova città, significherebbe imporre la costituzione di “Municipi insalata” che dovranno per forza comprendere contrade anche molto distanti e quindi con esigenze molto diverse. Anche questa eventualità svilirebbe il ruolo dei municipi i quali abdicherebbero all’importante ruolo di istituzione intermedia per i centri storici, le località marine e le contrade, cioè di avvicinare la pubblica amministrazione ai cittadini.

Ovviamente è compito dei Consiglieri Regionali della Commissione proporre e discutere emendamenti alla legge: ci auguriamo che le nostre proposte vengano condivise negli indirizzi che tentano di dare alla nuova città e offrano spunti di discussione alla Commissione nonché al territorio tutto. Infine ci sentiamo di condividere l’emendamento proposto dalla CGIL sulla istituzione di una consulta aperta alla società civile che accompagni il Commissario (ed i due sindaci) nella fase di armonizzazione del nuovo ente prevista dalla legge: le decisioni che verranno prese in quel frangente sono fondamentali ed è quindi altrettanto fondamentale che vengano prese con la massima condivisione possibile nelle comunità. La consulta proposta ci sembra uno strumento utile al raggiungimento di questo scopo.

Rossano Pulita

(fonte: comunicato stampa )

Se vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti seguici su Facebook e Twitter

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *